20.6 C
Civita Castellana
18/10/2021
Image default

CIVITA CASTELLANA: IL CONSIGLIO COMUNALE ESPRIMA LA PROPRIA CONTRARIETÀ ALL’ AUMENTO DELLE BOLLETTE

Riceviamo e Pubblichiamo.

Il circolo E.Minio ed il gruppo consiliare del Prc di Civita Castellana aderiscono alla campagna nazionale lanciata da Rifondazione Comunista contro l’aumento delle bollette di gas e luce.
Per questo abbiamo chiesto al Consiglio Comunale di approvare un ordine del giorno in cui si possa esprimere la propria contrarietà a tali ingiustificati aumenti.
Aumenti che, come sempre, ricadranno sui cittadini ed in particolar modo su quelli appartenenti alle fasce sociali più deboli, già messi in difficoltà dalla pesante crisi economica e dalle politiche messe in atto dal governo Draghi.
Tutto questo ricadrà anche sugli enti locali che, tramite i servizi sociali, saranno costretti con i pochi ed insufficienti mezzi a disposizione, a tamponare dal basso i disagi sociali causati da queste scelte scellerate.
L’Unione Nazionale Consumatori ha stimato che l’aumento significherà per una famiglia tipo spendere, su base annua, 56 euro in più per la luce e 158 euro per il gas. Una maggior spesa complessiva pari, quindi, a 214 euro”.
“L’ennesimo inaccettabile aumento – questa volta del 9,9% per la luce e del 15,3% per il gas – dimostra che la privatizzazione e la liberalizzazione sono state solo una fregatura, l’ennesima fallimentare riforma neoliberista bipartisan. Invece di tutelare i consumatori la politica è da anni al servizio delle società dell’energia. Dall’avvio della parziale liberalizzazione del mercato dell’energia e del gas si stima un aumento dei prezzi in bolletta del 70% per il gas e del 40% per l’energia elettrica”

“Ci avevano promesso bollette meno care e invece veniamo tartassati. Dall’apertura alla concorrenza e dalla liberalizzazione del settore energetico, i prezzi dell’elettricità e del gas sono aumentati in Italia”.
Chiediamo dunque che il governo intervenga con una misura di blocco degli aumenti e riduzione al 5% dell’IVA che paghiamo sulle bollette. Inoltre chiediamo che il governo Draghi revochi il passaggio obbligato al mercato libero che scatterà il prossimo 1° gennaio 2023”.

Circolo E.Minio
Partito della Rifondazione Comunista
Gruppo Consiliare PRC Civita Castellana

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy