8.1 C
Civita Castellana
31/01/2022
Image default

ITALIA: Impegno per il consumo sostenibile, l’iniziativa della Commissione UE per la transizione verde

fonte: IL FATTO ALIMENTARE

Si chiama Green Consumption Pledge Initiative, ed è il nuovo impegno per un consumo ecosostenibile varato dalla Commissione europea alla fine di gennaio 2021. Un’iniziativa che si inserisce nel più ampio patto europeo per il clima con l’obiettivo di spingere le aziende a impegnarsi volontariamente nella transizione verde (uno dei punti cardine della nuova agenda dei consumatori e della strategia europea per una ripresa economica sostenibile dopo la crisi innescata dalla pandemia di Covid-19).

L’impegno per il consumo verde si basa su cinque pilastri fondamentali che girano intorno alla carbon footprint, l’impronta di carbonio dell’impresa e dei suoi prodotti o servizi. Per poter aderire all’iniziativa, le aziende devono mettere in campo misure volontarie e concrete per ridurre l’ impatto ambientale in almeno tre dei cinque ambiti oggetto dell’impegno. Oltre a ciò devono dimostrare i progressi fatti mettendo pubblicamente a disposizione i dati e collaborando in maniera trasparente con la Commissione europea. I cinque punti su cui intervenire sono:

  1. Calcolare l’impronta di carbonio dell’azienda. Il calcolo deve comprendere anche la catena di approvvigionamento e deve essere fatto utilizzando la metodologia o il sistema di gestione ambientale messi a punto dalla Commissione. Le imprese devono inoltre adottare misure per ridurre la propria impronta in linea con gli obiettivi dell’accordo di Parigi.
  2. Calcolare l’impronta di carbonio di determinati prodotti di punta. Anche in questo caso deve essere utilizzata la metodologia approvata dalla Commissione. L’impronta deve poi essere ridotta, rendendo pubblici i dati dei progressi ottenuti.
  3. Aumentare la quota dei prodotti o servizi sostenibili nelle vendite totali dell’impresa o del comparto aziendale selezionato.
  4. Assegnare una parte della spesa destinata alle relazioni pubbliche dell’impresa alla promozione di pratiche sostenibili.
  5. Assicurare che le informazioni sull’impronta di carbonio dell’azienda e dei prodotti fornite ai consumatori siano facilmente accessibili, precise, chiare e aggiornate.

L’iniziativa parte con un progetto pilota a cui partecipano cinque imprese che operano in settori molto diversi tra loro: la catena francese di negozi sportivi Decathlon, il gruppo danese Lego, il colosso francese dei cosmetici L’Oréal, l’azienda olandese specializzata in dispositivi elettronici ricondizionati Renewd e la catena belga di supermercati Colruyt.

fonte: IL FATTO ALIMENTARE https://ilfattoalimentare.it/consumo-sostenibile-iniziativa-ue.html

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy