8.6 C
Civita Castellana
20/11/2021
Image default

I pellerossa e l’eterno

L’atteggiamento originario del Pellerossa verso l’Eterno, il «Grande Mistero» che ci circonda e ci avvolge, era tanto semplice quanto elevato. Per lui, esso era il concetto supremo, portatore della massima gioia e del massimo appagamento possibili in questa vita. Il culto del «Grande Mistero» era silenzioso, solitario, scevro da ogni egoismo. Era silenzioso perché ogni parola è necessariamente debole e imperfetta. Era solitario, perché i Pellerossa erano convinti che Esso ci fosse più vicino nella solitudine e nessun sacerdote era autorizzato a intromettersi tra l’uomo e il suo creatore. Nessuno poteva esortare, né confessare, né intervenire in alcun modo nell’esperienza religiosa di un altro.

La «fede» dei «Pellerossa» non poteva essere formulata in dottrine, né imposta a chi non fosse desideroso di riceverla; pertanto, non esistevano né predicazione, né proselitismo, né persecuzione e nemmeno dileggiatori o atei. Presso i Pellerossa, non c’erano templi o santuari che non fossero quelli della natura. Il pellerossa avrebbe ritenuto sacrilego «costruire una casa per Colui che si può incontrare faccia a faccia nelle misteriose ed ombrose navate della foresta primordiale, nel seno soleggiato della natura vergine, o sulle guglie e i pinnacoli vertiginosi di nuda roccia o lassù nella volta ingioiellata del cielo notturno! Colui che si riveste di sottili veli di nuvole, o sul bordo del mondo visibile, dove il nostro bisavolo, il Sole, accende il fuoco del suo accampamento notturno, Colui che cavalca il rigido vento del Nord e soffia il Suo Spirito sulle frangenti brezze meridionali e lancia la canoa di guerra sui fiumi maestosi e i mari interni, che cosa se ne farebbe di una cattedrale meno maestosa?».

dott.ssa Rita Mencarelli

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy