5.4 C
Civita Castellana
29/01/2022
Image default

Il tiramisù & il caffé

Il dolce più rappresentativo e iconico del nostro paese. E’ apprezzato dal nord al sud. Tutto il mondo ce lo invidia e cerca di copiarlo. La sfida più agguerrita sulla sua paternità è di certo tra il Friuli Venezia Giulia e il Veneto.

Oggi, però, non voglio raccontarvi del tiramisù nello specifico, che ormai poco importa dove è nato, ed è già fra i preferiti nei ricettari di ogni casa, fa parte della tradizione culinaria di tutti noi.

Vorrei parlare delle storie e delle leggende che aleggiano intorno a uno degli ingredienti che rendono questo dolce degno del suo nome: il caffè.

Certamente, in Europa, sappiamo che l’origine del caffè è localizzata in Etiopia. Oltre alla storia ufficiale sulla nascita di questa bevanda e della pianta da cui si estrae, vi è forse la leggenda più famosa di tutte, quella di Kaldi.

Kaldi era un pastore dello Yemen che, non vedendo rientrare il suo gregge si mise a cercarlo. Trovò le sue capre piene di energia e agitatissime. Si rese conto ben presto che le sue bestiole stavano mangiando delle strane bacche rosse. Visti gli effetti nefasti, ne raccolse un pò, e le portò a un vicino monastero credendole bacche del demonio. L’abate le diede subito alle fiamme, dalle quali, però, ne scaturì un buonissimo odore. Ricredendosi, provarono quindi a farne un decotto e a berlo. Si resero subito conto delle strepitose proprietà del caffè.

Shaikh Abdul Qadir al Jaziri, studioso del XVI secolo, dice del caffè: “Il caffè è l’oro degli uomini comuni e come l’oro porta agli uomini la sensazione di nobiltà e lusso. Prendi tempo nella preparazione del tuo caffé e Dio sarà con te e ti benedirà e benedirà la tua tavola. Dove il caffé è servito, c’é grazia e splendore. C’é amicizia e c’é felicità.”

Questa volta, vorrei lasciarvi una gustosa variante del tiramisù, dove andremo a usare… la RICOTTA.

Alla prossima dolce storia
Alice


TIRAMISU’ ALLA RICOTTA (8 porzioni circa)

INGREDIENTI:

  • 500 g di ricotta
  • 5 cucchiai di zucchero a velo
  • 1/2 bacca di vaniglia
  • 200 g di savoiardi
  • 200 ml di panna fresca
  • 200 g di caffè a temperatura ambiente
  • 5 cucchiai di zucchero a velo
  • 80 g cioccolato fondente
  • cacao amaro in polvere QB

Lasciate la ricotta in un colino per qualche minuto, in modo da farle perdere il siero in eccesso. Mescolatela quindi in una ciotola con i semi di vaniglia e lo zucchero a velo; lavorate gli ingredienti utilizzando una frusta fino a ottenere una crema liscia e priva di grumi. Montate la panna con uno sbattitore elettrico e incorporatela al composto in più riprese, mescolando dal basso verso l’alto per non smontare.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy