5.6 C
Civita Castellana
26/02/2021
Image default

VITERBO: Parrocchia Basilica Santuario Santa Maria della Quercia

A breve partiranno i lavori di restauro

Ci sono luoghi dell’anima nella nostra città che meritano cura, rispetto, amore, e di essere mantenuti conservati e riportati alla loro originaria bellezza. E’ un imperativo morale, perché certe  straordinarie testimonianze di storia arte e cultura più che esserci state tramandate dai nostri antenati, le abbiamo avute in prestito dai nostri figli, da quelli che verranno dopo di noi.

Il Complesso Monumentale di Santa Maria della Quercia è sicuramente uno di questi luoghi preziosi. Oltre ad essere il Santuario della Custode della nostra città e Patrona della nostra Diocesi,  è scrigno di numerosi capolavori, ed il suo progetto la sua costruzione e le sue opere portano le firme dei più grandi architetti progettisti ed artisti del Rinascimento italiano, dalle famiglie dei Sangallo, dei Della Robbia, al Bregno e al Ghirlandaio, alla mano di Michelangelo che sicuramente intervenne nell’edicola marmorea contenente la Sacra immagine della Madonna della Quercia.

Purtroppo il tempo, i fenomeni atmosferici, l’umidità sono nemici delle opere d’arte, e alcune parti importanti del nostro Complesso sono seriamente minacciate nel loro stato di conservazione.

Con grande sforzo la nostra parrocchia ha appena ultimato i lavori di restauro della Sagrestia sotto l’autorizzazione della Direzione Nazionale dei Musei, e dopo decenni, questo splendido ambiente si lascia finalmente ammirare ai visitatori nel suo antico splendore, che riporta alla pittura a grottesque, a scene di vita mariane raccontate attraverso le mani felici di due pittori del Settecento, Tacchini ( viterbese) e Noteler (tedesco) , che firmarono rispettivamente pareti e soffitto di questo luogo pieno di grazia e bellezza.

E ora ci apprestiamo ad iniziare i lavori di restauro del Chiostro della Cisterna, affreschi che raccontano la devozione alla Madonna della Quercia, che come un filo rosso lega storie, vite, comunità, fino ad abbracciare la storia più grande. Dalla lunetta in cui è rappresentato il Patto d’Amore che lega da quasi sei secoli in modo indissolubile la Città di Viterbo alla sua celeste Custode allo splendido affresco dedicato a Papa San Pio V ed alla battaglia di Lepanto, di cui conserviamo un prezioso vessillo.

Presto, appena l’emergenza sanitaria lo consentirà, avvieremo un ciclo di visite guidate e di iniziative per raccontare questi ambienti, per farli di nuovo fruire a viterbesi e turisti, e soprattutto per condividerli con la comunità e non solo, anche per aiutarci a sostenere questi impegni notevoli; ma intanto volevamo rendere partecipe la nostra città che qualcosa si muove…semi che germoglieranno e fioriranno al sole appena tutto questo sarà finito.

This website uses cookies to improve your experience. We'll assume you're ok with this, but you can opt-out if you wish. Accetta Leggi di più

Privacy & Cookies Policy