Home » Storia »

16 aprile: nel 2002 oltre un milione e mezzo di persone in piazza per lo sciopero generale contro la riforma dell'articolo 18

Il 16 aprile 2002 l’Italia si ferma per il primo sciopero generale dopo vent’anni. Lo sciopero è annunciato da Sergio Cofferati contro la riforma dell’articolo 18.

16 aprile: nel 2002 oltre un milione e mezzo di persone in piazza per lo sciopero generale contro la riforma dell'articolo 18

Dividiamo questa breve nota sul diritto di sciopero in due parti: la prima riguarda il periodo che va dalla promulgazione della Costituzione (1948) all’entrata in vigore della Legge n. 146 del 1990 (regolamentazione del diritto di sciopero per gli addetti ai servizi pubblici o di pubblica utilità); la seconda che va da tale legge ai giorni nostri. 

Mentre il codice penale fascista inseriva lo sciopero fra i reati, al pari della serrata, e come tale lo puniva, la Costituzione della Repubblica ne fa un diritto (art. 40): “Il diritto di sciopero si esercita nell’ambito delle leggi che lo regolano”. La serrata rimane un reato. Poiché il Parlamento non varò la prevista legge, per 43 anni Ricordiamo che lo “Statuto dei Lavoratori” (Legge 20 maggio 1970, n. 300) ha accettato questo dato di fatto, demandando al giudice di definire e punire eventuali comportamenti scorretti nell’esercizio di questo diritto. 

Dichiarando lo sciopero un diritto, l’ordinamento italiano ne ha riconosciuto la legittimità contro la vecchia obiezione secondo la quale essendo lo sciopero un’interruzione del lavoro, si configurerebbe come un’inadempienza agli obblighi sottoscritti dal lavoratore o dai suoi rappresentanti col contratto di lavoro. 

Titolari del diritto di sciopero sono i lavoratori dipendenti, privati e pubblici. L’astensione dal lavoro dei lavoratori autonomi ha dato origine a interpretazioni contrastanti: alcune sentenze giudicano lo sciopero un diritto esclusivamente collegato al rapporto di lavoro subordinato, altre sentenze giudicano che la sospensione della prestazione lavorativa per la tutela dei propri interessi sia un diritto anche di quei lavoratori che hanno una situazione contrattuale spesso individualizzata, ma comunque di rapporto subordinato, quali prestatori d’opera associati in cooperativa, agenti di commercio, assicuratori, ecc. Ovviamente non può considerarsi sciopero l’astensione del lavoro dei liberi professionisti. 

Particolari problemi ha creato in passato e crea anche oggi la posizione dei pubblici dipendenti e dei dipendenti di enti o aziende che gestiscono servizi di pubblica utilità. Per 43 anni, in assenza di una legge in merito, la giurisprudenza ha oscillato tra l’applicazione dell’articolo 330 del codice penale che originariamente considerava l’astensione dal lavoro da parte di questa categoria di lavoratori un reato punibile con la reclusione fi no a due anni, aumentabile per “i capi e i promotori” da due a cinque anni, e un’interpretazione che ammette, anche per questi lavoratori l’esercizio del diritto di sciopero limitatamente all’aspetto economico, purché tale esercizio “non comprometta funzioni e servizi pubblici essenziali, aventi carattere di preminente interesse generale”. Ed è quest’ultima l’interpretazione prevalente. 

In assenza di una regolamentazione legislativa, la proclamazione dello sciopero può essere deliberata dal sindacato, ma anche da una assemblea di lavoratori, da un comitato di lavoratori e non necessita di comunicazione preventiva al datore di lavoro, salvo il caso che la sospensione del lavoro possa provocare danni alle persone e agli impianti. Un caso particolare riguardava i controllori di volo, obbligati al preavviso anche prima della regolamentazione attualmente in vigore. 

Per quanto concerne il picchettaggio, usualmente attuato nella maggior parte degli scioperi, esso viene generalmente considerato una forma tipica dell’esercizio del diritto di sciopero, e quindi un atto legittimo, a con dizione che esso sia limitato a una pacifica dimostrazione per convince re altri lavoratori a non lavorare e non trascenda in atti di violenza. 

Durante il periodo di sciopero il lavoratore non ha diritto alla retribuzione.. 

Lo Statuto dei lavoratori 
La Legge 20 maggio 1970, n. 300, nota come Statuto dei lavoratori, non è particolarmente indirizzata verso la tutela e la disciplina del diritto di sciopero. Tuttavia, nel quadro della definizione dei diritti propri del lavoratore sul luogo di lavoro e nel rapporto di lavoro, la legge prevede (art. 28) sanzione per il datore di lavoro che ostacoli l’esercizio di sciopero o metta in atto rappresaglie contro chi abbia legittimamente esercitato tale diritto. 
Va ricordato che, con Decreto Legge n. 165 del 2001 quanto sancito dallo Statuto del Lavoratori è stato esteso ai dipendenti pubblici. 

La legge n. 146 del 1990 
Soltanto nel 1990 il Parlamento ha approvato la legge di regolamentazione della sciopero nei servizi pubblici definiti essenziali, modificandola successivamente con la legge n. 83 del 2000. Secondo la legge, per servizi essenziali devono intendersi quelli erogati da enti, istituzioni, imprese private abilitate a gestire un pubblico servizio in alcuni settori, tra i quali: sanità, igiene pubblica, protezione civile, ecc , con l’evidente intento di ridurre il ricorso allo sciopero, la legge prevede l’obbligo di inserire nei contratti collettivi procedure di conciliazione obbligatorie prima della proclamazione dello sciopero, alle quali possono sostituirsi l’intervento del Ministero del lavoro, delle Prefetture, delle amministrazioni comunali, se la vertenza in atto abbia carattere nazionale, provinciale o comunale. 
Se, a giudizio del Ministero o della autorità prefettizia vi sia il pericolo che lo sciopero in uno dei servizi pubblici sopra elencati rechi grave ostacolo al diritto dei cittadini di fruire di tali servizi, il Prefetto può “precettare” la sospensione dello sciopero e la ripresa del lavoro.

16/04/2018 |





 
Newsletter
Cultura
Con le Feste del Vino alla scoperta dei borghi della TusciaCon le Feste del Vino alla scoperta dei borghi della Tuscia

Dal 14 luglio al 31 agosto in programma oltre 150 appuntamenti nei Comuni di Lubriano, Civitella d’Agliano, Tarquinia, Gradoli, Montefiascone, Castiglione in Teverina, Vignanello e Acquapendente.

12/07/2018 |