Home » Storia »

12 agosto: nel 1961 sorge il Muro di Berlino

Nella notte di sabato 12 agosto 1961, dopo l’ordine firmato dal leader della Germania est Walter Ulbricht che autorizzava l'”Operazione Rosa”, si diede inizio alla costruzione del Muro di Berlino. Per 28 anni, 2 mesi e 27 giorni questo rappresentò il simbolo della divisione dell’Europa.

12 agosto: nel 1961 sorge il Muro di Berlino

Dopo la mezzanotte, infatti, circa 14.500 membri tra unità dell’esercito e della polizia, cominciarono ad istallare lungo la linea di confine filo spinato e barriere di cemento per bloccare ogni passaggio, e costruire la “barriera antifascista”, lunga di 43,1 chilometri.

La posa dei blocchi di cemento per l’edificazione vera e propria del muro iniziò il 17 agosto. Così, dalla sera alla mattina, Berlino e i suoi abitanti furono divisi a metà. La parte degli impianti di sbarramento che separava ermeticamente il resto della RDT al confine con Berlino Ovest, aveva una lunghezza di 111,9 chilometri.

Nel giugno 1962, per rendere ancor più difficile la fuga verso la Germania ovest, venne costruito un secondo muro, la cosidetta “striscia della morte”: 105,5 km di fossato anticarro, 302 torri di guardia con cecchini armati, 20 bunker e una strada illuminata per il pattugliamento lunga 177 km, sorvegliata dai Vopos, la polizia paramilitare della Ddr, con l’aiuto di feroci cani da guardia.

Oltre 100.000 cittadini della RDT cercarono di fuggire attraverso il confine tra le due Germanie oppure oltre il Muro di Berlino. Più di 600 persone furono uccise dal fuoco dai soldati delle truppe di frontiera della RDT oppure morirono nel corso del tentativo di fuga; solo al Muro di Berlino tra il 1961 und 1989 ci sono stati almeno 136 morti.

La prima vittima, il 22 agosto 1961, fu Ida Siekmann che morì calandosi da una finestra di Bernauer Strasse. Mentre il primo fuggitivo ucciso fu Guenter Liftin, un sarto 24enne, raggiunto da un proiettile alla nuca il 24 agosto 1961 mentre tentava di fuggire a nuoto all’altezza del porto di Humboldt. L’ultimo morto, l’8 marzo 1989, fu Winfried Freudenberg, precipitato al suolo a Berlino ovest con una mongolfiera che aveva lui stesso costruito. Per potersi ricongiungere ai loro cari, i berlinesi hanno dovuto attendere il crollo del Muro, il 9 novembre 1989.

12/08/2017 |