Home » Sport » Calcio »

Calcio, Totti soccer school, Carlo Sorbara lascia l’incarico di direttore generale

Tante situazioni sono state create, portando la Totti Soccer School dal punto di vista tecnico a conquistare un trofeo prestigioso come il “Beppe Viola” e farla diventare una scuola calcio d’elite

Calcio, Totti soccer school, Carlo Sorbara lascia l’incarico di direttore generale
Dopo 17 anni di militanza all’interno della Totti Soccer School, il DG Carlo Sorbara lascia l’incarico che ha ricoperto da oltre 10 anni. La decisione è stata presa dallo stesso Sorbara e comunicata alla società solamente pochi giorni fa, ma in realtà da settembre le condizioni contrattuali dello stesso ex, a questo punto, DG sono assolutamente cambiate, condizioni che hanno portato Sorbara a prestare fino a questo momento la propria opera lavorativa in forma occasionale e non continuativa con grande professionalità, senso del dovere e di appartenenza. In questo lungo cammino sono stati raggiunti molti traguardi, sono stati lanciati progetti interessanti, di lunga visione come il progetto integrazione, fiore all’occhiello. Tante situazioni sono state create, portando la Totti Soccer School dal punto di vista tecnico a conquistare un trofeo prestigioso come il “Beppe Viola” e farla diventare una scuola calcio d’elite.
 
Carlo Sorbara lascia la TSS. Com’è la situazione?
Con tanto dispiacere lascio questo incarico dopo molti anni e tanti traguardi raggiunti. Il mio operato è andato oltre gli incarichi ufficiali, per dovere di cronaca il contratto è cessato a settembre 2018 e per rispetto di Riccardo, della famiglia Totti, ma soprattutto della mia figura professionale, ho ritenuto opportuno continuare. Lo stesso presidente mi ha chiesto, infatti, un aiuto e sono rimasto per non mettere in difficoltà la società stessa e le persone che lavorano all’interno. Ora però…
 
Però
Devo pensare a me, rilanciarmi nel mondo del lavoro per costruire un nuovo futuro e intraprendere nuove esperienze. Sono stati anni bellissimi, faticosi, ma pieni di soddisfazione. Ho sempre creduto nei valori dello sport e nelle persone. Ho creato negli anni uno staff che si è rivelato vincente, le persone sono diventate squadra e abbiamo raggiunto risultati importanti. Ho sempre guardato l’obiettivo finale e il bene della società. Negli anni ho visto passare tante persone, nel primo periodo sono stato responsabile tecnico, ho avuto un percorso di crescita notevole. Negli ultimi 10 anni come DG ho cresciuto questa società dal punto di vista lavorativo, è stata come un figlio. Per questo c’è amaro in bocca.
 
E’ riuscito in questi anni a mettere a frutto tutte le idee e le speranze che si era messo in testa nel giorno della sua prima firma?
I traguardi raggiunti sono davvero tanti, se ripenso da dove siamo partiti e dove siamo arrivati i passi che sono stati compiuti sono davvero importanti e tanti. Sono soddisfatto molto, anche se mi sarebbe piaciuto continuare questa mia avventura all’interno della società e continuare proprio quei progetti, su tutti il progetto integrazione, fiore all’occhiello della nostra società, é qualcosa che va oltre, racchiude la nostra filosofia, la nostra essenza, poi i ragazzi sono davvero unici. Al di là delle decisioni della Totti Soccer School, dal punto di vista personale posso affermare che il progetto, lanciato dal sottoscritto, continuerà anche all’esterno della Longarina.
 
Ringraziamenti e scenari futuri
Lascio questo incarico ringraziando ovviamente Riccardo, Francesco e la famiglia Totti per l’opportunità. Ringrazio i collaboratori stretti, Valentina Gueci su tutti, poi la segreteria, i vari responsabili di settore, i tecnici, i dirigenti e i genitori. Non ultimo la vecchia gestione della Longarina, con la quale ho instaurato un ottimo rapporto professionale e personale, condividendo idee e progetti. I rapporti con la società sono e rimarranno buoni, nonostante cambiamenti interni, che hanno portato a questa separazione. Sono orgoglioso di aver lavorato in una realtà dilettantistica come una professionistica, sia per numeri, sia per altre situazioni, creando un format da azienda. Ma se ci fossero un domani delle possibilità di collaborare da esterno sono a disposizione. A tutti gli effetti già c’è questa situazione, infatti continuerò a seguire alcuni progetti da esterno, questo vuol dire lasciare una porta aperta. Auguro le migliori fortune alla società. In ultima battuta saluto con affetto tutti gli iscritti, vecchi e nuovi, i ragazzi, bambini, sono loro i protagonisti, gli attori principali della Totti Soccer School.
 

07/02/2019 | Regione |