Home » Cultura »

Risorgi di Duccio Camerini al Teatro Francigena di Capranica

Sabato 10 marzo alle 21 in scena una singolare riscrittura contemporanea del Re Lear contaminato con The Connection, mitico testo anni sessanta del Living Theatre. 

Risorgi di Duccio Camerini al Teatro Francigena di Capranica

SABATAO 10 MARZO

Capranica  Teatro Francigena ore 21,00 in abbonamento

La casa dei racconti

risorgi

di Duccio Camerini

con marika de chiara – rosa dario guidi – sergetto ciro carlo fico – mongo duccio camerini – marika barnaba bonafaccia – semmi cristina pedetta – nadia federico palmieri – traiano daniele miglio – lato destro matteo micheli - bacio

regia di duccio camerini

musiche dal vivo  matteo colasanti

costumi  nika campisi 

ufficio stampa  monica brizzi

lo spettacolo è stato allestito con il sostegno del Centro Sperimentale di Cinematografia e dell’Università  Roma Tre

Una singolare riscrittura contemporanea del “Re Lear”, contaminato con “The Connection”, mitico testo anni sessanta del Living Theatre.

… vecchie e nuove generazioni, un degrado non solo urbano… un traffico di storpi e mendicanti sullo sfondo del giubileo… ogni personaggio è in attesa della sua resurrezione, davanti ad un mondo ridicolo, ormai privo di una forma, che sa soltanto ignorare… un capo, uno pseudo-figlio erede, un pupillo, ruffiani, ma anche nemici. Un rapimento dà inizio a una rivolta, e alla fine qualcuno morirà. 

Storie senza morale alla fine di una città, in una terra di nessuno tra legalità e illegalità, pelli di diverso colore, benessere e miseria, solitudine e assenza di passato. Un clima scabroso e barocco, forse una preghiera, a cavallo tra la periferia e la campagna sventrata.

Marika, un uomo di mezza età, aspirante transessuale in attesa dell’operazione; Sergetto, un ex marchettaro che non vuole smettere di illudersi; Traiano, il figlio di Marika, gestisce insieme al padre un traffico di storpi che proteggono e addestrano a chiedere l’elemosina, in occasione del Giubileo della Misericordia annunciato da Bergoglio; Mongo, un  ritardato, un fool che vede dietro le cose; Semmi, un cameriere che fa arti marziali e prende “bombe” illegali prima di combattimenti clandestini; Rosa, la sua ex, una tossica un tempo assistente sociale; Nadia, un’impiegata che si accanisce contro il figlio disabile; “Bacio”, un uomo deciso a risalire la china di quel potere sommerso; infine “Latodestro”, uno storpio finito sotto un camion, ha perso l’uso del braccio e della gamba sinistri, è lui il piccolo Robespierre che guida gli altri storpi a rivoltarsi contro chi li sfruttava.

10/03/2018 | Capranica |