Home » Cultura »

Le magiche bolle di sapone di Mirielles e di Miri Mimmi a San Pellegrino in Fiore

L'artista romana esponente della bubble art, con i suoi due personaggi, torna tra i colori di San Pellegrino dal 28 aprile al 1 maggio rinnovando per grandi e bambini la gioia di un gioco antico ma sempre affascinante.    

Le magiche bolle di sapone di Mirielles e di Miri Mimmi a San Pellegrino in Fiore

Cosa c'è di più poetico di una bolla di sapone, cosa c'è di più bello del vedere i volti dei bambini che si illuminano dei loro sorrisi? Tra i mille colori dei fiori di San Pellegrino, che tra pochi giorni inaugurerà la sua 32° edizione, vi saranno anche le creazioni diafane, trasparenti e più leggere dell'aria di una artista romana che per il terzo anno consecutivo si esibisce a Viterbo in occasione della grande festa di primavera. Il suo palcoscenico d'elezione è l'evento "Fiori in passerella", nel quale interpreta il personaggio di Mirielles.
Questo personaggio propone delle performance di bubble art pura, con attrezzi essenziali e linee pulite. Utilizza la combinazione di vari elementi: bolle di sapone, fumo, fuoco e luci creando una performance raffinata ed elegante e un effetto sorprendente sul pubblico. Mirielles crea vere e proprie sculture tridimensionali diafane e trasparenti, più leggere dell'aria. Le sue bolle vivono una dentro l'altra e sembrano evocare le nuove grandi teorie della fisica e dell'arte: dai "pluriversi" di John David Barrow alla possibilità di studiare nuove dimensioni dello spazio attraverso la ricerca estetica, come faceva lo scultore Attilio Pierelli con i suoi "ipercubi", ben noti agli appassionati d'arte viterbesi.

Ma oltre a Mirielles, impegnata in Fiori in Passerella, per l'intera giornata di sabato nelle strade di San Pellegrino i bimbi potranno incontrare Miri Mimmi, una sorta di fatina colorata nata proprio per dare gioia ai più piccoli. Miri Mimmi è un personaggio fantastico che viene da un mondo colorato e allegro: il Miri Mondo. Felice di arrivare nel mondo dei bambini (il LoroMondo), Miri Mimmi vuole regalar loro dei momenti speciali e usa la magia delle bolle di sapone per farli sorridere e per regalare momenti di sorpresa.

Quel che fa Miri Mimmi non è casuale, ma deriva da attenti studi di animazione per bambini, con un linguaggio fantasioso e garbato e dalla costante attenzione per il bambino e il suo mondo interiore. Lo stile di Miri Mimmi è narrativo e partecipativo: il bambino è sempre direttamente coinvolto nelle attività proposte. Grazie all'esperienza nel teatro per bambini (sia come performer che come docente) ed ai suoi studi universitari nelle scienze pedagogiche, esprime da sempre un proprio percorso improntato sulla narrazione partecipata e sul gioco, dando vita a una figura colorata e brillante che si ispira all'arte della clownerie e della comicità corporale e che si rivolge ai bambini attraverso i sorrisi, i colori e la creazione delle fantastiche bolle di sapone.

Due meravigliosi personaggi convivono quindi nella stessa artista, il cui vero nome è Miriam Canelles e che vanta collaborazioni con associazioni culturali e compagnie teatrali: il Clownotto di Mario De Vita, la Compagnia Circo Bianco di Francesca Ghini, l'associazione Prove di Volo, la Compagnia Endaxi di Paolo Scannavino e Laura Donzella, con le quali partecipa a spettacoli, festival, manifestazioni ed eventi, e con artisti di livello internazionale quali Alessandro Martignoni e Marco Zoppi.

Bellezza si aggiunge quindi a bellezza in questa edizione di San Pellegrino in Fiore, e non ci rimarrà che ammirare i voli delle sfere trasparenti di Miri Mimmi che, attratta come una farfalla dal profumo dei fiori, lascerà levitare le sue creazioni in un mondo di colori diffondendo l'allegria iridescente delle bolle di sapone per portare ancora una volta nei luoghi più antichi e più belli di Viterbo i suoi magici soffi, insieme con la sua sorella d'arte Mirielles.

San Pellegrino in Fiore si svolgerà dal 28 aprile al 1° maggio. Il programma dettagliato della manifestazione è sul sito sanpellegrinoinfiore.it.

 

26/04/2018 | Viterbo |