Home » Viterbo »

Meroi su Ferento: meritevole di attenzione la proposta lanciata dal vice sindaco del Comune di Viterbo

  Trovo decisamente meritevole di attenzione la proposta lanciata dal vice sindaco del Comune di Viterbo, l’assessore alla Cultura Enrico Maria Contardo, che con l’iniziativa “Salviamo Ferento in 60 giorni” ha chiesto alla comunità viterbese di partecipare a una raccolta fondi pubblica e alla pulizia della preziosa area, una volta ottenuto l’assenso dalla Soprintendenza per i beni archeologici dell’Etruria Meridionale, istituto che ha la competenza sulla tutela archeologica della zona.

Meroi su Ferento: meritevole di attenzione la proposta lanciata dal vice sindaco del Comune di Viterbo

 

La Provincia di Viterbo, da sempre interessata alle sorti di Ferento, non ha alcuna competenza sulla gestione dell’area, ma nel periodo estivo da anni ormai vara un bando grazie al quale il soggetto organizzatore risultato vincitore si occupa della realizzazione della stagione teatrale. La Provincia non può intervenire, così come non può farlo il Comune, su una zona che non è di propria competenza, ma resta comunque disponibile a valutare tutte le proposte che arriveranno per la rivitalizzazione, la cura e la promozione di Ferento.

In vista della settimana della Cultura 2012, che quest’anno si svolgerà dal 14 al 22 aprile, l’amministrazione provinciale ha raggiunto un accordo con la Soprintendenza e con l’associazione Archeotuscia, la quale con i suoi volontari ha ripulito l’area da sporcizia ed erbacce e garantito la funzione del sito di Ferento.

In un contesto generale di attenzione all’area archeologica, seppur priva delle adeguate competenze al riguardo, la Provincia aderisce all’iniziativa del Comune di Viterbo lanciata dall’assessore Contardo, auspicando allo stesso tempo la piena attuazione della convenzione stipulata nel febbraio del 2010 proprio da questa Amministrazione con la Soprintendenza per i beni archeologici dell’Etruria Meridionale, il soggetto privato proprietario dell’area, lo stesso Comune di Viterbo e l’Università degli studi della Tuscia. Conoscendo la serietà, la competenza e la professionalità dell’Unitus, che nell’area di Ferento compie studi di ricerca che danno lustro al nostro territorio e alla comunità scientifica internazionale, sono certo che da parte del nostro ateneo verrà mantenuto l’impegno, sottoscritto nella predetta convenzione, a mantenere agibili e a sottoporre a periodica manutenzione i percorsi di visita, svolgendo attività continuativa e costante di apertura al pubblico.

La Provincia di Viterbo resta disponibile ad intavolare un costruttivo dialogo con tutti i partner interessati, che possa portare ad una vera tutela di Ferento e una sua maggiore fruibilità per i cittadini durante tutto l’anno e non solo in occasione di eventi particolari come la settimana della Cultura e la stagione teatrale estiva.

 

05/04/2012