Home » Viterbo »

Campionati studenteschi, in 154 hanno partecipato alla prova di Orienteering

Si è svolto, il 2 aprile 2014, nel centro storico della città di Viterbo, il Campionato studentesco di Corsa di orientamento, fase provinciale valida come qualificazione per la fase regionale. L’iniziativa, patrocinata dall’amministrazione provinciale, è stata organizzata dal Miur di Viterbo (Ufficio coordinamento di educazione fisica),  in collaborazione con lo staff dell’Asd Orientuscia formato dai  professori Maurizio Achilli, Anna Cruciani, Marilena Ponzio e dal Dp fiso Giorgia Giorgini. 

Campionati studenteschi, in 154 hanno partecipato alla prova di Orienteering

Centocinquantaquattro gli studenti al via, con lo start che è stato dato a Largo Grandori, dove i partecipanti, provenienti da diverse scuole di Viterbo e provincia, si sono dati appuntamento armati di bussola e mappa. L’arrivo nel delizioso corridoio medioevale situato in prossimità di via S. Pellegrino.

Ecco la classifica: Cat. J/M: 1°: Itis “L. da Vinci”, 2°: Isis “C.A. Dalla Chiesa”. Cat. J/F: 1°: Isis “C.A.Dalla Chiesa”, 2°: Ist. Mag. “S.Rosa”, 3°: Itis “L.da Vinci”. Cat. A/M: 1°: Isis “C.A. Dalla Chiesa” , 2°: L.S. “P.Ruffini”, 3°: Itis “L.da Vinci”. Cat. A/F: 1°: Isis “C.A.Dalla Chiesa”, 2°: L.S. “P.Ruffini”, 3°: Ist. Mag. “S.Rosa”. Cat. Cadetti: 1°: S.M. “P.Egidi”, 2°: S.M. “F.Agosti” Bagnoregio, 3°: IC “Scriattoli” Vetralla. Cat. Cadette: 1°: “Agosti”, 2°: “Scriattoli”, 3°: “Egidi”. Cat. Ragazze: 1°: “Scriattoli”, 2°: “Egidi”, 3°: “Agosti”. Cat. Ragazzi: 1°: “Agosti”, 2°: “Scriattoli”, 3°: “Egidi”.

L’Orienteering è una disciplina completa, la velocità nella corsa è supportata dall’intuito, dalla capacità di osservazione e rappresentazione del territorio e dalla capacità di operare, in pochi secondi, una scelta di percorso. Impegna, dunque, fisico e intelletto e il territorio diventa la palestra in cui tutti i partecipanti, di tutte le età, possono misurare le proprie capacità. Pr sua stessa natura questo sport si pone degli importanti obiettivi di educazione ambientale  ponendo  particolare enfasi sulla consapevolezza, sulla conoscenza  e sul rispetto del territorio utilizzato.

Nelle scuole, l’Orienteering, ha un valore altamente interdisciplinare e formativo, attraverso cui l’alunno impara gradualmente a conoscere se stesso, a confrontarsi con i propri limiti e  potenzialità, abituandosi a valutare, a scegliere e a sperimentare gli effetti delle proprie scelte.

 

 Andrea Canali

07/04/2014