Home » Viterbo »

Arrestato a Viterbo un ricercato romeno

I Carabinieri del Nucleo Investigativo del Reparto Operativo congiuntamente con quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Viterbo hanno eseguito nella serata di ieri un’ordinanza di custodia cautelare in carcere nei confronti di un cittadino romeno di 18 anni, colpevole dei reati di rapina, lesioni aggravate e violenza privata in concorso con un suo connazionale  

Arrestato a Viterbo un ricercato romeno

Lo scorso 6 giugno, a Montesilvano (PE), il 18enne romeno con la complicità di un suo connazionale, 19enne, dopo aver costretto una ragazza di 24 anni, sempre romena, ad accompagnarli a bordo della sua utilitaria presso un parcheggio dove tentarono di incendiare a scopo estorsivo l’autovettura della ex del 19enne, picchiarono con violenza la 24enne, rapinandole 2 anelli in oro che la stessa indossava, per poi fuggire e far perdere le loro tracce.
Le indagini condotte dai Carabinieri della Compagnia di Montesilvano in merito a quell’episodio consentirono di identificare gli autori della rapina e di richiedere nei confronti dei due romeni l’emissione di misure cautelari.
Il 9 settembre u.s., il GIP del Tribunale di Pescara ha accolto la richiesta di applicazione di misure cautelari ed ha emesso nei confronti del 18enne e del suo connazionale due ordinanze di custodia cautelare in carcere.
La Compagnia Carabinieri di Montesilvano, dopo aver data esecuzione all’ordinanza nei confronti di uno dei due romeni, domiciliato di fatto in quel comune, non riuscendo a rintracciare il secondo straniero ha contattato l’Arma di Viterbo al fine di tentare di rintracciare il giovane, che in passato aveva già vissuto nel capoluogo della Tuscia.
I Carabinieri del Comando Provinciale di Viterbo, nella serata di ieri, al termine di articolate ricerche, sono riusciti a localizzare il romeno e a bloccarlo in una via del centro, nei pressi del Sacrario.
L’arrestato, al quale è stata notificata l’ordinanza di custodia cautelare in carcere, è stato quindi tradotto presso la casa circondariale di Viterbo a disposizione dell’Autorità Giudiziaria abruzzese.

13/09/2011