Home » Roma Nord »

L’Atac presenta al Tribunale di Roma il concordato preventivo: stop alla gestione della Ferrovia Roma-Civita Castellana- Viterbo.

Nelle 133 pagine del concordato preventivo depositate ieri  al tribunale di Roma dalla municipalizzata capitolina, previsto lo stop alla gestione delle ferrovie, tra cui la Roma-Civita Castellana- Viterbo, una delle più utilizzate dai pendolari del basso viterbese.

L’Atac presenta al Tribunale di Roma il concordato preventivo: stop alla gestione della  Ferrovia Roma-Civita Castellana- Viterbo.

L’Atac dice stop alla gestione delle ferrovie: è quanto trapela dal contenuto delle 133 pagine di concordato preventivo presentato ieri al Tribunale Civile di Roma nella giornata di ieri dall’azienda dei trasporti capitolina, che si sa non naviga in buone acque.

Un piano corposo, quello presentato ai giudici, come riporta “Il Messaggero” che prevede numerosi tagli per far tornare l’azienda in salute: via la gestione dei parcheggi a pagamento su Roma, la vendita di alcuni depositi e soprattutto lo stop alla gestione di tratte ferroviarie.

Atac attualmente gestisce tre ferrovie, di proprietà della Regione Lazio: la Roma-Lido, la Roma-Giardinetti e la Roma-Civita Castellana-Viterbo, molto utilizzata dai pendolari della bassa Tuscia, conosciuta come “Roma Nord”.

La tratta è in concessione all’azienda capitolina fino al 15 giugno 2019 : il piano industriale, presentato ai giudici, non prevede il prolungamento del contratto di servizio con la Regione e sottolinea come gestire quelle ferrovie da parte dell’azienda sia non conveniente, poiché obsolete e necessarie di investimenti.

Cosa succederà quindi per gli utenti che usufruiscono di questa ferrovia? Per il momento nulla, in quanto il piano presentato dai commissari giudiziari dovrà essere omologato dal tribunale: in caso arrivasse l’omologa , Atac eserciterà l’esercizio fino a scadenza ( 15 giugno 2019) e la Regione Lazio proprietaria dell’infrastruttura dovrà individuare un nuovo soggetto a cui affidare la gestione.

Giorgio Massaini

01/02/2018