Home » Regione »

Il Lazio vince il Premio Cultura + Impresa 2018/2019

Il risultato complessivo della raccolta fondi da privati sfiora i 200.000 euro, a fronte di uno stanziamento pubblico di 2,5 milioni di euro

Il Lazio vince
“Siamo entusiasti di aver ricevuto il Premio Cultura + Impresa 2018/2019 e specialmente nella categoria di Art Bonus. Ci rende molto orgogliosi esser stati i primi a declinare in chiave regionale questa normativa e avere riaperto palazzi, ville e luoghi di interesse storico e artistico chiusi da decenni, restituendoli alla collettività e animandoli con una programmazione continuativa”.
 
 
 
Lo dichiara l’Assessore Programmazione Economica, Bilancio, Patrimonio e Demanio, Regione Lazio, Alessandra Sartore, che ha ritirato oggi il Premio presso la sede del Sole24Ore a Milano
 
 
 
20 maggio 2019
 
 
 
 
 
LA CAMPAGNA
 
La Campagna istituzionale "Art Bonus - Regione Lazio" è stato il primo programma strategico di valorizzazione del patrimonio storico, artistico e culturale di una Regione italiana con il coinvolgimento e la partecipazione dei privati, aziende e persone.  
 
Si tratta dalla prima Regione italiana ad impostare una strategia d'insieme con una precisa brand-identity, materiali cartacei (brochure, card e flyer) e digitali (video, newsletter, social network), nonché supporti in loco e lanci di stampa.
 
Il portale www.regione.lazio.it/artbonus è stato un fondamentale canale di rendicontazione, ma anche di promozione per i sostenitori e di informazione per i visitatori.
 
 
 
 
 
LE NOVITA'
 
La Regione Lazio ha altresì introdotto due novità assolute sull'impiego di Art Bonus, ossia la donazione online con le ricevute automatizzate tramite sistemi di pagamento digitali (ad es. PayPal e PagoPA) e un programma di membership (ossia un sistema a fasce di contributo e corrispondenti formule di ringraziamento) riconosciuto dall'Agenzia delle Entrate.
 
L'azione di fundraising messa in atto non ha riguardato solo le erogazioni liberali ex Art Bonus, ma anche i nuovi strumenti di collaborazione pubblico-privato messi a disposizione dal Nuovo Codice degli Appalti, come le sponsorizzazioni monetarie e tecniche, con un coinvolgimento attivo delle aziende tramite progetti di comunicazione e marketing dedicati.
 
E' stato inoltre stanziato un finanziamento pubblico per l'intera Campagna che potesse affiancare le risorse private e, tramite il coinvolgimento della società inhouse LazioCrea, è stato definito un Programma degli Interventi per i singoli immobili, con una precisa visione e destinazione d'uso.
 
 
 
GLI IMMOBILI
 
La Campagna ha selezionato una serie di immobili di pregio per un intervento di riqualificazione e promozione affiancandosi ad un'azione di raccolta fondi, tesa a consentirne la riapertura, la manutenzione e la sostenibilità a medio termine.
 
Il Castello di Santa Severa, splendido esempio di sovrapposizione di epoche e stili, è stato riaperto il 25 aprile 2017, con lo scopo di essere animato tutto l'anno con attività culturali ed esposizioni artistiche. In questo complesso, unico al mondo, è stato realizzato l'Ostello più bello d'Europa, affacciato direttamente sul Mediterraneo e dedicato ai più giovani.
 
L'Edificio ex GIL di Luigi Moretti, in Largo Ascianghi a Trastevere, è stato riqualificato nei suoi spazi di eccezionale modernità e di grande innovazione, restituendo un pezzo di storia e architettura razionalista alla città di Roma. E' diventato WEGIL, un Polo culturale e formativo dedicato alle sperimentazioni artistiche e alla nuova creatività.
 
Il Palazzo Doria Pamphilj, nell'incantevole borgo di San Martino al Cimino, nasce dall'intuizione urbanistica di Bernini e Borromini, in perfetto abbinamento alla vicina Cattedrale. Il Palazzo di Olimpia Maidalchini è restituito al pubblico coi suoi ambienti di pregio adibiti a sagre, convegni ed esposizioni e con un'intera Ala dedicata alla formazione.
 
Oltre a questi immobili, la Campagna prevede la riqualificazione di Villa Ponam a Rieti, Palazzo Caetani a Fondi, la Torre di Palidoro a Fiumicino, il Complesso di San Domenico a Fondi e di Santa Maria della Pietà a Roma e la Tenuta di Roccarespampani.
 
 
 
I SOSTENITORI
 
Si ringraziano le centinaia di persone che hanno scelto di supportare la Campagna con erogazioni liberali e le aziende che, in varie forme, hanno creduto in questo intervento di scommessa sul patrimonio culturale e sui beni pubblici: ANCE Lazio, Big Wave Events, Leyform, Fondazione Cariciv, Silvestri Legnami, Roma Domus, Balletti Park Hotel, Roma Lazio Film Commission, Salus Terme, Centrale del Latte di Roma, ACEA, Centro Edilizia Mimosa, Terme dei Papi, Volkswagen Group Italia e la Proloco di San Martino al Cimino.
 
La Campagna è tutt'ora in corso e, in particolar modo, le prossime occasioni di raccolta fondi saranno incentrate sull'Estate al Castello di Santa Severa, sulla programmazione delle prossime mostre d'arte contemporanea di WEGIL e sull'iniziativa di animazione culturale "Itinerario giovani" presso il Palazzo Doria Pamphilj di San Martino al Cimino, oltre naturalmente agli interventi di riqualificazione e manutenzione, tra cui si cita il restauro di San Martino al Cimino.

21/05/2019