Home » Monti Cimini »

Il Downhill protagonista in Faggeta, il campione italiano Luigi Canavacciuolo: “Pista tecnica al di sopra delle aspettative”.

Nonostante il tempo plumbeo e piovoso, quello che è andato in scena ieri alla Faggeta dei Monti Cimini, è stato un vero spettacolo. 50 atleti delle età più disparate hanno animato, tra un salto e l’altro, uno tra gli scenari paesaggistici più suggestivi della Tuscia.

Il Downhill protagonista in Faggeta, il campione italiano Luigi Canavacciuolo: “Pista tecnica al di sopra delle aspettative”.

La disciplina del downhill, al suo esordio nella provincia di Viterbo, ha riscosso un grande successo di partecipazione e pubblico, grazie anche alla determinazione di Leonardo Borgia, organizzatore dell’evento e massimo sostenitore di questo sport.

Un memorial, quello “Armeni-Borgia-Filipponi-Marchetti-Arcidiacono”, organizzato dall’ Associazione sportiva dilettantistica Lorenzo Borgia e giunta, per quest’anno, alla sua 10^ edizione. “L’organizzazione ha fatto veramente un buon lavoro – ha commentato a fine gara il campione italiano di downhill, Luigi Canavacciuolo - . La pista si è rivelata di gran lunga superiore alle aspettative e a livello tecnico è stata molto interessante. E’ stato un vero piacere prendervi parte, soprattutto per la finalità benefica”.

Anche quest’anno, infatti,  il ricavato sarà interamente devoluto a favore dell’associazione As.So.S. Onlus – Associazione Solidarietà e Sviluppo di Terni; una realtà che svolge attività di assistenza e interventi di sviluppo in campo socio-sanitario e scolastico-educativo.

“Ci tengo innanzitutto a ringraziare – ha affermato l’organizzatore Leonardo Borgia – il Comune di Soriano nel Cimino e bicidamontagna.com. Non solo: il Parco dei Cimini, i ragazzi dello staff del gruppo Faggeta Gravity Park e il presidente As.So.S. presente alla gara, senza il loro supporto questa straordinaria gara  non avrebbe mai preso forma. Un ringraziamento speciale, inoltre, a Simone Schippa, ideatore del Memorial. E’ stata una soddisfazione enorme poter osservare, e allo stesso tempo ammirare, come lo sport all’aria aperta possa unire in un clima di così grande entusiasmo e divertimento, tutta questa gente. Anche per quest’anno il ricavato delle quote di iscrizione sarà destinato tutto alla beneficenza”.

I primi i 5 classificati sono stati:

Bruno Andrea 0.3:14,92 campione italiano 2010/2011 di super enduro;

Canavacciuolo Luigi 03:21,18 campione italiano downhill;

Chinucci Pietro 03:24,22 campione regionale di super enduro;

Grossini Samuele 03:25,26 e Grimani Emanuele 03:34,32

Grossini e Chinucci sono figli della Tuscia e appartengono al gruppo della “Faggeta Gravity Park” che si è occupato direttamente della realizzazione della pista.

19/11/2012