Home » Maremma Viterbese » Canino »

Canino, il presidente Zingaretti inaugura asilo nido e teatro.

Il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha inaugurato questa mattina l’asilo nido e il Teatro comunale di Canino in provincia di Viterbo.

Canino, il presidente Zingaretti inaugura asilo nido e teatro.

Per il Teatro la Regione Lazio ha investito 325 mila euro per lavori di restauro, risanamento conservativo e ristrutturazione di impianti e attrezzature. Il teatro comunale, la cui costruzione iniziò nel 1889, fu inaugurato nel 1891 con le opere "Il barbiere di Siviglia" e la "La Lucia di Lammermoor". Negli anni sessanta venne smantellato e trasformato in cinema. Quello di Canino è uno dei venticinque teatri pubblici del Lazio per i quali l’amministrazione ha riattivato fondi precedentemente bloccati per un valore totale di 7 milioni di euro. Complessivamente a Viterbo e provincia la Regione Lazio ha investito nei teatri pubblici risorse per oltre 8 mln di euro per lavori di recupero architettonico, ristrutturazione, messa a norma e abbattimento barriere architettoniche. ASILO NIDO L’apertura dell’asilo nido di Canino, con 25 posti effettivi e messi a bando dall’amministrazione comunale, è stata finanziata dalla Regione Lazio con 62mila 500 euro grazie al bando “Nidi al via 2 - 2017”. In questi anni la Regione Lazio si è impegnata per arrivare all’apertura di quegli asili nido pubblici finanziati dalle giunte regionali precedenti ma mai entrati in funzione per assenza di fondi comunali. La Regione è intervenuta con due azioni per un totale di 5,8 milioni di euro: “Start Up” (2 milioni, fondi regionali, due bandi nel 2014 e nel 2015), grazie al quale sono stati aperti effettivamente 1750 nuovi posti nido e “Nidi al via” (3,8 milioni, FSE, due bandi nel 2016 e nel 2017), grazie al quale sono disponibili altri 1300 posti nido. “Oggi per Canino è un giorno importante perché restituiamo alla città un teatro storico, rinnovato e più bello, e un nuovo asilo nido – ha commentato il presidente Nicola Zingaretti. Questo è stato possibile grazie all’intervento della Regione Lazio che ha riattivato risorse bloccate che sarebbero andate perse e che invece ci hanno consentito di rimettere a nuovo una struttura dal valore storico come nel caso del Teatro comunale e dell’asilo nido. Si tratta di due esempi del nostro impegno per valorizzare i piccoli comuni e dare alle comunità locali maggiori servizi. Siamo a fianco degli amministratori locali e continuiamo a sostenerli per rendere il Lazio un territorio migliore”.

06/12/2017