Home » Basso Viterbese » Civita Castellana »

Rifondazione comunista Civita Castellana chiede lumi su Talete

Lo scrive in una nota il circolo E. Minio di Civita Castellana

Rifondazione comunista Civita Castellana chiede lumi su Talete
Il 28 dicembre del 2018 i soci della TALETE S.p.a. (i sindaci dei comuni del viterbese) nella speranza forse che nel bel mezzo delle festività di fine anno questo passasse inosservato, hanno votato a favore di un aumento della bolletta di un bel 7,6%. 
Naturalmente nessun sindaco (socio) si è preso la responsabilità politica di tale votazione e nessuno si è sognato di passare per il parere dei consigli comunali, questo almeno fino a ieri, quando il comitato per l’acqua pubblica di Viterbo (Non ce la beviamo) riuscendo ad ottenere un consiglio comunale straordinario sul tema, ha smascherato la maggioranza (Forza Italia, Lega e Fratelli d’Italia) che obbedendo al sindaco, ha votato compatta in favore del rincaro, palesando cosi la volontà di tartassare ancor di più i cittadini già colpiti da una situazione economica generale drammatica. 
Noi riteniamo che tali importanti decisioni debbano essere prese nel massimo della trasparenza anche a Civita Castellana, specialmente in un periodo come questo che precede le elezioni comunali nelle quali i cittadini saranno chiamati a scegliere i futuri amministratori. 
Pertanto avanziamo pubblicamente la richiesta di un consiglio comunale straordinario, dove i consiglieri e le forze politiche di maggioranza e opposizione si prendano davanti ai cittadini la responsabilità di avallare o bocciare questa scelta sciagurata in modo chiaro e limpido, e non solo tramite comunicati stampa fatti di slogan gettati al vento. 
Rifondazione comunista, a Civita Castellana come in tutto il resto d’Italia è contraria ad una gestione aziendalistica dell’acqua ed al conseguente aumento dei disservizi e delle tariffe che questa comporta e si schiera al fianco dei comitati per l’acqua pubblica a difesa degli interessi dei cittadini ed in special modo di quelli più in difficoltà che subiranno l’ennesima batosta.
 

07/02/2019