Home » Basso Viterbese » Civita Castellana »

FUTURA NUOTO: SICUREZZA NELLO SPORT, SICUREZZA NELLA VITA

    La piscina comunale di Civita Castellana più sicura con l'acquisto di un defibrillatore semiautomatico e la preparazione di tre operatori sportivi qualificati BLSD.

FUTURA NUOTO: SICUREZZA NELLO SPORT, SICUREZZA NELLA VITA

 

Molte persone colpite da arresto cardiaco muoiono oggi solo perché non si interviene tempestivamente con un defibrillatore elettrico che, se utilizzato subito, può salvare la vita  

Sabato 18 maggio si è svolto a Vetralla il corso BLSD ( Basic Life Support Defibrillation) destinato agli operatori delle società sportive. Tre rappresentanti della “Futura Nuoto”, Marco Di Niccola, Marco Pizzi e Grazia Milone , sotto l'attenta guida del Dott. Daniele Angelini in qualità di istruttore BLSD, hanno partecipato all'evento conseguendo il diploma che li qualifica nella rianimazione cardiorespiratoria e nella defibrillazione cardiaca. E' utile ricordare che una rianimazione cardiopolmonare prestata prontamente ed in maniera efficace, associata ad una defibrillazione cardiaca precoce riduce la mortalità e l'invalidaità del 70% in soggetti vittima di arresto cardiaco.

Possiamo dire quindi che le conoscenze e le capacità acquisite dai rappresentanti della Futura Nuoto, associate all'acquisto del defibrillatore semiautomatico, ora disponibile nella struttura natatoria, hanno reso l'attività sportiva decisamente piu' sicura!

 

Risulta evidente la necessità di dislocare questi apparecchi "salvavita" nei luoghi più sensibili (strutture sanitarie assistenziali, ambulatori, scuole, università, palestre, campi di gioco, carcere, enti pubblici, uffici, sale per spettacoli, supermercati, parchi) e nelle aree decentrate rispetto agli ospedali, per ridurre i decessi dovuti ad arresto cardiaco e alla mancanza di un rapido soccorso anche associata a  corsi di abilitazione per chi lavora in questi luoghi, affinché sappiano gestire le urgenze/emergenze con il defibrillatore. In particolare questo strumento andrebbe messo a disposizione delle scuole provinciali in cui si pratica attività sportiva con percorsi di formazione e sensibilizzazione del personale e delle associazioni dilettantistiche che utilizzano gli spazi, affinché uno o più volontari sappiano utilizzare il defibrillatore. 

E' utile anche predisporre piani di comunicazione per sensibilizzare la popolazione sulle potenzialità e sull'utilità dell'uso dei defibrillatori semiautomatici esterni applicati alle persone colpite da arresto cardiocircolatorio.

Giovanna De Stefani

22/05/2013