Home » Basso Viterbese » Civita Castellana »

CiviTonica: in archivio l’edizione 2014 con settemila presenze per 39 appuntamenti culturali

Il 13 settembre 2014 è iniziata la stagione di cultura CiviTonica, organizzata a Civita Castellana dal Comune, assessorato alla Cultura. Tre mesi di programmazione, con 39 eventi tra mostre, concerti, film, conferenze, presentazioni di libri e workshop hanno coinvolto in totale circa settemila persone fino all’ultimo appuntamento del 30 novembre. Decine i giovani del territorio che hanno dato il proprio contributo volontario all’organizzazione vera e propria degli eventi.

CiviTonica: in archivio l’edizione 2014 con settemila presenze per 39 appuntamenti culturali

Alla conclusione della stagione l’assessore alla cultura di Civita Castellana, Giancarlo Contessa, traccia un bilancio più che positivo per la quarta edizione della manifestazione che ha decuplicato il numero di eventi e di presenze rispetto all’esordio di quattro anni fa.

“Domenica 30 Novembre si è conclusa CiviTonica 2014 – ha esordito l’assessore Giancarlo Contessa - tre mesi vissuti intensamente da tutti coloro che hanno partecipato attivamente alla sua programmazione. E’ tempo quindi di bilanci.

Il primo è la nuova impronta lasciata: CiviTONICA sta contribuendo a dare un’immagine diversa di Civita Castellana, sia ai propri cittadini ma anche al di fuori dei confini comunali.  In un periodo in cui si tende a puntare sulla cultura per risollevare le sorti economiche del paese, credo che un piccolo aiuto sia stato dato anche da noi. Nella nostra città si comincia a capire che si può e si deve fare cultura e, soprattutto, che la si può fare a costi contenuti, con il volontariato e con i cittadini come protagonisti.

L’edizione di quest’anno ha visto mettere in atto circa quaranta eventi, trentanove per la precisione, che hanno avuto un’affluenza totale di oltre settemila spettatori. In sostanza sono stati quasi raddoppiati i numeri già sbalorditivi della passata stagione.

Ci sono stati eventi di spicco come l’esposizione del Cratere dell’Aurora, l’incontro con Franco Perlasca, il premio nazionale di poesia Maestro Roberto Costanzelli, l’incontro con il cantautore Giuseppe Anastasi, la presentazione del Progetto Parco Ivan Rossi al museo del MAXXI e le due giornate conclusive dedicate al fumetto Dylan Dog che hanno dato un lustro e un respiro più ampio alla manifestazione ma soprattutto hanno mostrato un volto finora quasi sconosciuto della nostra città, il volto di una città di “cultura”.

Non sottovalutiamo però l’importanza di tutti gli altri incontri che hanno visto come protagonisti sia artisti locali ma, anche e sempre più, artisti e personaggi non originari di Civita che iniziano a percepire questa manifestazione come una buona vetrina per le loro opere e per le loro performance.

La scelta di proporre un’intera stagione culturale con le poche risorse a disposizione è stata “temeraria”, ma averla vinta in pieno ha reso ancora maggiore soddisfazione per chi si è impegnato nella sua realizzazione e per tutta l’amministrazione comunale.

Ora, ci rimboccheremo le maniche per riuscire ancora una volta a sorprendervi con CiviTONICA 2015”.

 

 

05/12/2014