Home » Basso Viterbese » Civita Castellana »

Civita Castellana, parla Corinti: la trattativa con Ciappici per il Flaminia è chiusa, stanchi di esser presi in giro.

Riceviamo e pubblichiamo:

Civita Castellana, parla Corinti: la trattativa con Ciappici per il Flaminia è chiusa, stanchi di esser presi in giro.

 Come noto alle recenti cronache calcistiche viterbesi c’è stata una trattativa tra il gruppo rappresentato da Mario Corinti e Roberto Ciappici, che avrebbe dovuto portare alla acquisizione della società Calcio Flaminia.

In un recente comunicato Ciappici afferma che sono venuti meno i presupposti, ci sentiamo giunti a questo punto di dover fare chiarezza  su quanto è accaduto.

Il giorno 11 luglio veniva stipulato un preliminare tra Ciappici e il gruppo rappresentato da Corinti, secondo il quale veniva versato nelle casse della neonata Asd Calcio Flaminia l’importo necessario all’iscrizione e all’avvio della stagione.

Si ricorda quindi ai signori giocatori che tanto hanno plaudito alla decisione di Ciappici di rimanere alla guida della società, che senza tale esborso da parte del gruppo rappresentato da Corinti non si sarebbe potuto procedere all’iscrizione della squadra.

In base al preliminare e a fronte dell’immediato versamento delle cifre necessarie Corinti e due persone di sua fiducia sarebbero provvisoriamente entrati nel direttivo della società e poi si sarebbe proceduto all’acquisto della stessa con una più che congrua buona uscita per Ciappici, riconoscendogli il buon lavoro svolto in molti anni di attività (teniamo a precisare che tutto ciò è nero su bianco e firmato da Ciappici).

I giorni successivi Ciappici disattendeva le richieste dei nuovi soci e anzi si sottraeva continuamente ad appuntamenti e riunioni, adducendo alla fine la motivazione che i soci che si sarebbero dovuti dimettere ci avevano ripensato, però intanto avevano già intascato e usato le somme versate.

Andiamo avanti nelle trattative per buon senso e passione per il calcio, ma di fronte a continui pensamenti e ripensamenti di Ciappici restiamo veramente basiti: non rispondeva al telefono o diceva una cosa per ribaltarla subito dopo, più volte ci metteva in bocca parole mai dette, con molto dispiacere nei confronti della città di Civita Castellana e dei suoi tifosi e soprattuto delle molteplici aziende tra cui lo storico sponsor della Asd Calcio Flaminia, pronte a sostenere la società se alla guida ci fosse stato il gruppo rappresentato da Mario Corinti.

Da parte nostra c’era un progetto ambizioso di fare una bella stagione, di creare un settore giovanile e una scuola calcio ad alti livelli, e soprattuto da parte nostra c’era e c’è passione per il calcio non per guadagnare nel calcio ma per fare calcio, passione e impegno che avremo messo in questa impresa.

Siamo certi che Ciappici non tarderà a restituirci i soldi da noi versati per diventare nuovi soci e come acconto per la chiusura della trattativa, ma se cosi non fosse aderiremo alle vie legali per far valere i nostri diritti.

Delusi sicuramente dal comportamento di chi evidentemente non fa calcio per passione o meglio non solo per quella, da chi non si cura di una città e di un comune che lo ha ospitato per diversi anni, sgombriamo il campo da voci e dicerie confermando che oggi per noi si chiude ogni trattativa, stanchi di essere presi in giro.

Mario Corinti

 

08/08/2017