Home » Basso Viterbese » Civita Castellana »

Civita Castellana, inaugurato il nuovo pronto soccorso dell'Ospedale Andosilla.

Presente alla cerimonia il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti.

Civita Castellana, inaugurato il nuovo pronto soccorso dell'Ospedale Andosilla.

E’ durata poco più di un’ora la cerimonia di inaugurazione del nuovo pronto soccorso dell’Ospedale Andosilla a Civita Castellana: presenti il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, il sindaco di Civita Castellana Gianluca Angelelli, il direttore generale della Asl Viterbo Daniela Donetti, il consigliere Regionale Enrico Panunzi, il vescovo di Civita Castellana Mons. Romano Rossi , il prefetto di Viterbo Giovanni Bruno e tutte le associazioni di volontariato che operano all’interno dell’ospedale, oltre che alcuni sindaci del comprensorio ed i sindacati.

A tagliare il nastro è stato il presidente Zingaretti insieme al sindaco Angelelli e alla dott.ssa Donetti: è seguita la benedizione impartita del vescovo Romano Rossi ai nuovi locali, che poi sono stati visitati da Zingaretti.

Tre sono le nuove sale dedicate all’emergenza: una per i codici rossi, una per i codici gialli ed un’altra per i codici verdi/bianchi; inoltre il nuovo pronto soccorso è composto da una sala gessi , da una Unità Osservazione Breve Intensiva (OBI) da quattro posti letto, dalla breve osservazione ( 2 posti letti) e la sala isolamento dotata di un posto letto.

Completano la nuova struttura di primo soccorso la sala Triage e i nuovi ingressi: uno per le ambulanze, l’altro per l’utenza.

Il presidente della Regione Lazio ha poi visitato  la nuova Tac, fiore all’occhiello dell’ospedale civitonico: il macchinario è stato installato recentemente, proprio per migliorare la qualità del servizio e degli esami.

I cittadini sono i veri padroni dell’Ospedale- ha dichiarato il sindaco di Civita Castellana- con questo nuova struttura nessuno potrà pensare di chiudere questo nosocomio. Il nuovo pronto soccorso restituirà a quest’ospedale la fiducia che merita e per questo voglio ringraziare in primis il presidente Zingaretti, la direttrice Donetti e Enrico Panunzi che hanno permesso tutto questo. Ora non vogliamo fermarci, tra poco inizieranno i lavori per la nuova camera mortuaria e speriamo di poter mettere mano ai reparti: fondamentale sarà la sinergia con il territorio, in particolare con la casa della salute di Magliano Sabina.”

Dopo il sindaco, a prendere la parola è stato il vescovo di Civita Castellana,  Mons. Romano Rossi : “ Io sono un forestiero che da ormai dieci anni è qua a Civita Castellana,  il mio pensiero va al personale sanitario di questo ospedale di cui sento parlare molto bene . Io mi auguro non vi stanchiate mai di lavorare qui, noi faremo di tutto perché il territorio possa aiutarvi a far crescere questa struttura.”

Intervento particolarmente sentito quello del direttore generale della Asl Donatella Donetti: “ è un successo che dà dignità ai malati e voglio ringraziare pubblicamente tutto lo staff, in particolar modo ai progettisti , perché abbiamo realizzato una struttura dimensionata all’utenza e ai requisiti dell’accreditamento. A questa struttura seguiranno assunzioni del personale medico e gli investimenti non finiranno qui: sono pronti 1 Milione e 200 mila euro per la nuova camera mortuaria, le cui gare di appalto sono in aggiudicazione. Dal prossimo mese, inoltre, partirà la sinergia con la casa della salute di Magliano Sabina.”

A chiudere la cerimonia, l’intervento del presidente di Zingaretti:  “ Questo risultato dimostra che a fare la differenza sono le squadre che realizzano i progetti. L’Asl di Viterbo è un’azienda sanitaria all’avanguardia, spesso in prima linea con la sperimentazione come nel caso degli esami in ambulanza e  l’agenda del Parto. Voglio dire grazie a tutti gli operatori nel campo della sanità per aver tenuto botta in questo dieci anni di commissariamento . Eravamo la regione con il maggior disavanzo d’Italia e con la peggiore qualità delle cure sanitarie e ora siamo usciti da queste fase. Un grazie va anche alle associazioni di volontariato ( come una Mano al tuo Ospedale n.d) che in un  momento dove la Regione non poteva spendere, spesso si sono rimboccate le maniche.  Dobbiamo ancora migliorare, è finita la fase della distruzione e inizia la fase della ricostruzione, abbiamo portato i livelli dei Lea  dai 153 del 2013 ai 178 del 2017 ( 170 è la soglia minima accettabile dal ministero della Sanità n.d) e aumentato la qualità delle prestazioni. Abbiamo stabilizzato 1000 precari che entreranno in servizio nei prossimi giorni ed assumeremo 3500 operatori : è stata dura , ma finalmente incassiamo i risultati  per cui abbiamo lottato ed ora dobbiamo mantenerli ed un grande grazie va alle comunità.”

Il nuovo pronto soccorso entrerà in funzione lunedì 11 Dicembre.

Qui sotto il link alla fotogallery.

Giorgio Massaini

06/12/2017


Articoli correlati:
» Il nuovo Pronto soccorso dell'Ospedale Andosilla.