Home » Basso Viterbese » Civita Castellana »

Civita Castellana- I commercianti del centro naturale commerciale: dove sono gli investimenti ?

Si chiedono che fine hanno fatto i 150 mila euro finiti a Sviluppo Impresa di Confesercenti Viterbo.

Civita Castellana- I commercianti del centro naturale commerciale: dove sono gli investimenti ?

In merito alle dichiarazioni dell’Assessore alle attività produttive del comune di Civita Castellana Alessio Alessandrini circa la gestione dei fondi riservati al Centro Commerciale Naturale, precisiamo quanto segue:

Siamo perfettamente d’accordo, per la parte che ci compete, con quanto da lui dichiarato.

C’è però il passaggio finale del suo comunicato che rischia di provocare spiacevoli equivoci.

“ Per tutto ciò che riguarda i bilanci suggerisco ai consiglieri comunali del PDL di rivolgersi alla gestione del  C.C.N. “

Riguardo questa affermazione, dichiariamo che neanche 1 euro della cifra stanziata dalla Regione Lazio è transitata sul conto corrente del C.C.N.

Riassumiamo brevemente la vicenda.

La Regione Lazio con atto n.6 del 23.10.2006 ,finanzia i programmi dei comuni del Lazio diretti alla valorizzazione ed al potenziamento dei centri commerciali naturali.

Successivamente con due delibere di giunta ( n.142/22.10.2008 e n. 169/02.12.2008) l’Amministrazione Giampieri conferisce prima l’incarico al CAT (Sviluppo impresa Confesercenti Viterbo) per presentare il progetto alla Regione Lazio, e poi ne approva il Programma Comunale, elaborato dal CAT stesso, per un ammontare complessivo di circa € 150.000,00.

L’Amministrazione Angellelli successivamente, con altre delibere datate 22.12.2009 approva lo schema di convenzione con il C.A.T. e ne autorizza la stipula.

L’importo di € 150.000 andava impegnato dal CAT per la redazione di un piano di Marketing urbano, di comunicazione, di coordinamento ed animazione e di tutta un’altra serie di interventi ( indagini,analisi della rete distributiva,analisi urbanistica ecc..).

Ad oggi di tutto ciò il CCN non ha avuto né notizie nè riscontro.

Proprio per questo motivo, il nuovo direttivo al suo insediamento, in data 29/11/2011 chiedeva all’Assessore Alessandrini se il C.A.T. Confesercenti avesse prodotto la documentazione relativa al lavoro fatto; e se la Regione Lazio avesse corrisposto la cifra stanziata, dato che l’unica cosa visibile del lavoro del C.A.T. Confesercenti, è un sito web del CCN, di cui non abbiamo né l’accesso né la fruibilità.

A questo punto, siamo sempre più ansiosi di capire questi nostri soldi come siano stati spesi ed oltre alle pezze d’appoggio giustificative vorremmo anche vedere il prodotto finale.

 

C.C.N. CIVITA CASTELLANA

Il Direttivo

30/03/2012