Home » Basso Viterbese » Castel S. Elia »

Castel Sant'Elia, Domenica di Carità: si vendono uova di Pasqua per sostenere la Caritas locale

Prosegue senza sosta e con particolare slancio l'opera quotidiana della Caritas parrocchiale di Castel Sant'Elia.

Castel Sant'Elia, Domenica di Carità: si vendono uova di Pasqua per sostenere la Caritas locale
Durante il fine settimana, in occasione della Domenica di Carità, indetta dalla Diocesi di Civita Castellana su iniziativa del vescovo Romano Rossi, i volontari del piccolo comune della Tuscia allestiranno un banchetto di fronte alla Parrocchia di Sant'Antonio Abate in cui verranno vendute uova di cioccolato. Il ricavato sarà destinato alle casse della Caritas cittadina che, come ci ha spiegato Claudio Gagliardi, responsabile in loco, provvede al sostegno di oltre 60 famiglie presenti sul territorio.
 
Ad oggi collaborano circa 15 volontari che insieme alle suore di Castel Sant'Elia, dedicano il sabato pomeriggio ai bisognosi, distribuendo soprattutto generi di prima necessità, e portando avanti il centro d'ascolto, che è lo strumento pastorale finalizzato alla diffusione della cultura di solidarietà.
 
La Caritas castellese è attiva da oltre venti anni sul territorio, con numeri di tutto rispetto, se si pensa che solo nell'ultimo anno sono stati distribuiti oltre 10mila chili di cibo. I ragazzi impegnati nel volontariato, inoltre, gestiscono il magazzino Diocesano messo gratuitamente a disposizione dal Rettore del Santuario di Maria Ss.ma ad Rupes, dove convergono tutte le derrate alimentari raccolte durante la Colletta Alimentare. Lo scorso anno sono stati raccolti e quindi smistati ben 21.800 chili di viveri.
 
Importanti, negli anni, anche svariati contributi a progetti umanitari a sostegno dei terremotati di Lazio, Umbria e Abruzzo o, meno recente, quello in aiuto alle popolazione colpite dallo Tsunami del 2004.
 
"La nostra Caritas è diventata un punto di riferimento importante negli anni - conclude Gagliardi -. Per questo voglio ringraziare tutti quelli che nell'anonimato quotidiano ci aiutano e ai volontari che permettono tutto questo".
 
Alessandra Sorge

18/03/2018